groovebox
Dal 6 ottobre riparte GROOVE BOX su Radio Lupo Solitario 90,7 FM!
La trasmissione andrÓ in onda ogni Giovedi dalle 20 alle 21!
Per contattarci in diretta:
sms: (+39) 334 2247977
E-mail: onair@radiolupo.it
Groovebox
SIREN FESTIVAL
Nuove aggiunte
 
DIVENTA FAN DI GROOVEBOX.IT SU FACEBOOK - Clicca "Mi Piace" qui sotto.

Commenta questa notizia direttamente con il tuo account Facebook! Clicca qui.


Dispositivo mobile? LEGGI QUI LA VERSIONE OTTIMIZZATA DI QUESTO ARTICOLO

Attenzione! Groovebox.it non è responsabile del contenuto della seguente notizia in quanto tratta da un comunicato stampa.


Siamo lieti di annunciare, dopo THE NATIONAL e MOGWAI i nuovi ospiti del SIREN FESTIVAL:


John Grant
Alexis Taylor
The Drones
Dry the River
Soft Moon

JOHN GRANT

 

 


“it's hard to imagine a more enjoyable and rewarding hour of music being released this year than Pale Green Ghosts: self-obsessed but completely compelling, profoundly discomforting but beautiful, lost in its own fathomless personal misery, but warm, funny and wise.
The Guardian – 5 Stars ***** (Album Of The Week)

“an album that, rather than juggling empty pop–song clichés, opts to expose the rawest emotional nerves: truth and beauty, rather than lies and blather.”
The Independent – 4 Stars **** (Album Of The Week)

“The abrupt changes between lush vintage balladry and stark electro ensure that Pale Green Ghosts is not as instantly cohesive as Queen Of Denmark. But it is arguably more satisfying, in its artistic courage, its refusal to meet expectations, and its willingness to paint a brand new picture of a gay demi-monde where the triumphs and tragedies have a deeper resonance than simple melodrama or camp… A masterpiece”
UNCUT – 8/10

“Grant’s rich voice dovetails beautifully with the silvery synths of ‘GMF’ and ‘Vietnam’… This is audacious stuff from one talented motherfucker.”
NME - 8/10

L’autore del capolavoro Queen of Denmark torna in Italia reduce dal successo dell’utimo album, Pale Green Ghosts, uscito per Bella Union e osannato da pubblico e critica!
Dopo l’eccezionale album di debutto Queen of Denmark vincitore del MOJO’s Album of 2010, e di altri innumerevoli premi, John Grant non si è seduto sugli allori ma si è dedicato con passione alla scrittura di un nuovo album che senza dubbio sottolinea il suo raro e carismatico talento.
Registrato in Islanda con la partecipazione di Sinead O’Connor (guest vocals), di Biggi del collettivo islandese elettronico GusGus, e di numerosi musicisti islandesi, il bellissimo Pale Green Ghosts aggiunge sublimi note dark e scintillante elettronica alle tipiche ballate vellutate che avevano caratterizzato il primo lavoro dell’artista americano. I temi qui raccontati sono come in precedenza riflessioni coraggiose a volte tristi, a volte ironiche e caustiche sulla sessualità, la religione, la malattia, la depressione e sull’amore omosessuale in una società e in un mondo in cui la libertà sessuale non è autenticamente accettata. Brani che pur non sminuendo la difficoltà e l’oscurità di certi stati d’animo rivelano sempre una vitalità e una fiducia nel futuro potenti e profonde.
Se Queen of Denmark può essere definito il suo album Seventies, questo nuovo lavoro è senza dubbio il suo eighties album. Miscelando tutte le influenze e le passioni musicali di Grant Pale Green Ghosts ci regala un artista al suo massimo splendore, capace di stupirci e meravigliarci ancora una volta!

READ MORE:
www.johngrantmusic.com
https://www.facebook.com/johngrantmusic?fref=ts

ALEXIS TAYLOR

 

Alexis Taylor, già leader degli inglesi HOT CHIP, arriva a Vasto per presentare il nuovo album solista Await Barbarians, il primo per la Domino, in uscita a giugno 2014.
Caratterizzato dalla stessa immediatezza degli album realizzati con gli HOT CHIP, Await Barbarians possiede però un'intimità speciale, una semplicità e un candore emotivo unici, a cui si aggiunge una buona dose di senso dell’umorismo e un’inclinazione al gioco e al divertimento.

Alexis che nel nuovo lavoro ha suonato tutti gli strumenti, ad eccezione degli archi, ci mostra un lato più riflessivo nella scrittura e nel modo di cantare, dimostrando una maturità assente nei lavori precedenti. Se da un lato, per l’approccio alla registrazione, Await Barbarians ricorda il lavoro di mostri sacri inglesi come Mark Hollis e Robert Wyatt, dall’altro però l’universo sonoro che esprime è totalmente “Tayloriano”: a volte claustrofobico, asciutto e algido, altre volte caldo, spazioso e domestico, e davanti a tutto la sua inconfondibile voce, sempre in primo piano e raramente adornata da effetti.
Un album ricco, intenso e profondo per uno dei musicisti più interessanti e innovativi del paese.

Guarda il video di ‘Elvis Has Left The Building’
https://www.youtube.com/watch?v=xCKgYfMVSaI

READ MORE:
http://www.dominorecordco.com/


THE DRONES

 

La band australiana guidata da Gareth Liddiard, attiva da più di 10 anni, ed ormai riconosciuta come una delle realtà alternative più rilevanti del continente, arriva in Italia per presentare l’ultimo album I See Seaweed uscito per MGM records nel 2013. Il gruppo nato a Perth nel 1998 per volontà di Gareth, è oggi composto da Gareth Liddiard, cantante, chitarrista e autore dei brani, Fiona Kitschin (basso), Dan Luscombe (chitarra), Steve Hesketh (tastiera) e Michael Noga alla batteria ed ha all’attivo 6 album tra cui vale la pena ricordare i notevoli Wait Long by the River and the Bodies of Your Enemies Will Float By del 2005, Gala Mill del 2006 e Havilah del 2008.
I DRONES sono autori di un musica che miscela sapientemente blues, garage, punk e psichedelia, in cui i testi ricoprono un peso specifico decisamente rilevante e affrontano con lucidità e insieme partecipazione temi legati alla società contemporanea.

READ MORE:
Official Website: www.thedrones.com.au
You Tube Channel: https://www.youtube.com/user/thedronesvideos
Face Book: http://www.facebook.com/TheDrones

 

DRY THE RIVER

 

Dry the River sono un quartetto indie rock nato a Londra nel 2009. Dopo due EP autoprodotti la band ha firmato per Sony RCA nel 2011 e ha iniziato a lavorare all’ album di debutto con il produttore Peter Katis in Bridgeport, CT.
E’ nato così l’acclamato Shallow Bed, pubblicato il 5 marzo 2012 e seguito da un lunghissimo tour in Nord America, Europa e Regno Unito, culminato in un’esibizione sold out al Shepherds Bush Empire nell’ottobre dello stesso anno. Nei primi mesi del 2013, la band si è trasferita in Islanda per diversi mesi per iniziare a lavorare sul secondo album. Ad oggi, i Dry the River hanno suonato in oltre 450 club in oltre 30 paesi, esibendosi nei festival più importanti tra cui Glastonbury, Roskilde, Lowlands, Sziget e Lollapalooza. La band è stata inoltre il support dei Biffy Clyro nel tour europeo del 2013 ed ha partecipato alla serie NH7 di festival a Bangalore, Mumbai e Delhi, in India. Nel 2014, la band rinnovata e ringiovanita pubblicherà finalmente il secondo attesissimo album.

READ MORE
http://www.facebook.com/drytheriver
http://www.twitter.com/drytheriver
'No Rest' - http://youtu.be/3iUHfAChgBA
'New Ceremony' - http://www.youtube.com/watch?v=qCJ22QQTWtM


THE SOFT MOON

 

 

La band, guidata dal visionario compositore di Oakland Luis Vasquez, scelta come opening del tour 2014 dei DEPECHE MODE arriva in Italia reduce dal successo ottenuto con ZEROS, il secondo LP a nome Soft Moon.
Scritto e registrato "on the road" - e stavolta supportato da una vera e propria band - 'Zeros' è un album cupo, ipnotico, inquieto. A metà tra la New York dei Suicide e la Manchester più oscura marchiata Factory Records. Vasquez si conferma un figlio legittimissimo del post punk. Destinato a conquistare definitivamente (anche) i puristi del genere.
Ci sono stati dei cambiamenti dall’uscita nel 2010 dell’album d’esordio. Mentre Soft Moon infatti era stato registrato in totale solitudine e senza nessuna reale aspettativa, quasi come uno sfogo personale, i nuovi 10 brani che compongono ZEROS sono stati scritti e registrati on the road pensando a un ipotetico pubblico che li ascoltasse, Il suono di Soft Moon si è espanso divenendo quello di una full band ma i suoni, sebbene più curati e precisi (ricordiamo la collaborazione con il produttore Monte Vallier) sono sempre quelli orrorifici, onirici e primordiali che avevano segnato l’esordio Soft Moon.
Zeros è un viaggio compatto e coerente, un’immersione nell’inconscio più nero, nell’oscurità più inquietante, Zeros è un sogno in cui è possibile sentire la paura, l’angoscia, la nostra umanità più profonda e dolorosa. La forma canzone viene ormai del tutto abbandonata, e le singole tracce sono tasselli di un discorso più ampio, frammenti sonori di un immaginario sonoro e visivo ben preciso. Gli elementi del viaggio sono il krautrock, la dark wave, l’industrial e il punk.

READ MORE:
http://www.thesoftmoon.com/
http://www.facebook.com/thesoftmoon

 

BIGLIETTI E PREVENDITE:
40 euro + d.p. venerdì 25 luglio
35 euro + d.p. Sabato 26 luglio
60 euro+d.p abbonamento venerdì e sabato
Prevendite disponibili:
www.ticketone.it <http://www.ticketone.it> call center 892 101
www.vivaticket.it <http://www.vivaticket.it> call center 892.234
www.ticket.it
www.mailticket.it

INFORMAZIONI AL PUBBLICO:
www.dnaconcerti.com
http://www.facebook.com/dnaconcertieproduzioni
info@dnaconcerti.com
https://twitter.com/dnaconcerti
siren@sirenfest.com
www.sirenfest.com

15/04/2014


Le riproduzioni su organi di stampa o altri siti web o forum sono ammesse purchè venga citato www.groovebox.it come fonte. In fondo non vi costa nulla.

 

Altre notizie su SIREN FESTIVAL