groovebox
Dal 6 ottobre riparte GROOVE BOX su Radio Lupo Solitario 90,7 FM!
La trasmissione andrÓ in onda ogni Giovedi dalle 20 alle 21!
Per contattarci in diretta:
sms: (+39) 334 2247977
E-mail: onair@radiolupo.it
Groovebox
DROPKICK MURPHYS
In Italia a febbraio con Flogging Molly
 
DIVENTA FAN DI GROOVEBOX.IT SU FACEBOOK - Clicca "Mi Piace" qui sotto.

Commenta questa notizia direttamente con il tuo account Facebook! Clicca qui.


Dispositivo mobile? LEGGI QUI LA VERSIONE OTTIMIZZATA DI QUESTO ARTICOLO

 

DROPKICK MURPHYS
FLOGGING MOLLY
GLEN MATLOCK

14 FEBBRAIO 2018 • GRAN TEATRO GEOX • PADOVA
UNICA DATA IN ITALIA


Hub Music Factory annuncia il ritorno in Italia di Dropkick Murphys e Flogging Molly

Un imperdibile appuntamento dedicato agli amanti del celtic punk che si ispira al successo riscontrato lo scorso luglio a Milano, la prima data in Europa in cui le due band hanno condiviso il palco per un evento unico nel suo genere.

L’ottimo riscontro del pubblico e l’entusiasmo generatosi attorno alla data milanese hanno portato le due band a intraprendere un intero tour europeo assieme; a questo giro si unirà a loro, con uno speciale set acustico, Glen Matlock, fondatore dei Sex Pistols, la storia del punk in persona! Il concerto si terrà il prossimo 14 febbraio 2018 al Gran Teatro Geox di Padova, da segnare assolutamente sul calendario!

I Dropkick Murphys, continuano il tour che sta facendo conoscere in tutto il mondo l’ultima fatica discografica “11 Short Stories of Pain and Glory”, pubblicato il 6 gennaio 2017 dalla Born & Bred records. A quattro anni di distanza dall’ultimo “Signed and Sealed in Blood”, il nuovo disco dei Dropkick Murphys è il nono della loro più che ventennale carriera. L’album è stato registrato ai Sonic Ranch Studios a 30 miglia da El Paso (Texas), città praticamente sul confine tra Stati Uniti e Messico. La band ha infatti sentito la necessità di distaccarsi completamente dal mondo circostante per poter trarre il meglio dalla loro creatività, grazie anche all’aiuto Ted Hutt, che ha prodotto il disco. Ogni pezzo di 11 Short Stories of Pain and Glory trasmette la maturità artistica e professionale che la band ha raggiunto; musica tradizionale irlandese, punk e folk sono uniti al meglio con il fine di raccontare undici storie di gloria e dolore che racchiudono argomenti cari alla band: l’amore per la propria terra, l’amicizia, la lotta di classe. Molte canzoni di 11 Short Stories of Pain and Glory trattano anche le personali esperienze della band che si intrecciano con tristezza e rabbia per le ingiustizie del loro paese - riferendosi in particolare a Boston e al New England. La canzone “Rebels Without A Cause” è stata scritta per tutti i ragazzi che sono trascurati dal sistema e che si stanno lentamente abituando all’inettitudine; “Paying My Way” parla di dipendenza, della speranza di ottenere dalla vita qualcosa di buono per cui sognare e sperare; “4-15-13” è probabilmente il pezzo più commovente di tutta la loro discografia, un omaggio alle vittime della Maratona di Boston, gente che la band ha conosciuto personalmente in ospedale durante il ricovero.
11 Short Stories of Pain and Glory è un vero e proprio vortice di emozioni in cui amore, gioia e rabbia si alternano e arrivano dritte al cuore dell’ascoltatore.

Nati nei sobborghi di Boston nel 1996, i Dropkick Murphys sono inizialmente un gruppo di amici che si trova a suonare per puro divertimento; quando cominciano a sviluppare il proprio sound, quel distintivo e particolarissimo mix di punk oi! e irish folk che li rende inconfondibili, scoprono con grande sorpresa di essere molto apprezzati dal pubblico. Il progetto prende il volo con una successione di tour, EP, singoli e album in studio che li portano ad esibirsi sui palchi di mezzo mondo. La band è nota anche per il suo attivismo sociale e politico: hanno partecipato con un brano alla compilation “Rock Against Bush, Vol. 2” , hanno creato una t-shirt i cui proventi sono stati devoluti a sostegno del Workers' Rights Emergency Response Fund e hanno persino fondato un’associazione benefica, la The Claddagh Fund, dimostrando che per la band non contano solo le parole ma anche I fatti e l’attivarsi in prima linea, in prima persona. La band è composta da Al Barr (voce) Tim Brennan (chitarra, fisarmonica, mellotron e voce), Ken Casey (voce e basso), Jeff DaRosa (voce, banjo, bouzouki, mandolino, armonica a bocca e chitarre acustiche) Matt Kelly (batteria, percussioni e voce) e James Lynch (chitarra e voce).

Anche i Flogging Molly hanno pubblicato nel 2017 un nuovo album, "Life Is Good", uscito lo scorso 2 giugno per Vanguard Records. Prodotto da Joe Chiccarelli (U2, The White Stripes, Beck) e registrato a Dublino, “Life is Good” arriva dopo ben 6 anni dal precedente album “Speed Of Darkness'” (2011); nonostante abbia alle spalle perle come Speed Of Darkness, disco che ha raggiunto la nona posizione nella Billboard top 200, e Drunken Lullabies, certificato oro, Life Is Good non ha niente da invidiare ai lavori precedenti. L’album si contraddistingue per una forte consapevolezza sociale e politica trasmessa attraverso delle “storie” che i Flogging Molly narrano con arrangiamenti musicali notevoli in cui strumenti rock come chitarra e basso elettrico si sposano alla perfezione alla tradizione celtica di flauto (Tin Whistle) e cornamuse (Uilleann Pipes).

Nati a Los Angeles nel 1997, i Flogging Molly hanno sempre sfidato ogni categorizzazione di genere: l'originalità delle loro canzoni è un tratto distintivo che evidenzia l'inesauribile creatività della band. Con il susseguirsi degli anni i dischi sono cambiati, passando per ‘Drunken Lullabies’ e ‘Float’, fino ad arrivare all’ultimo disco uscito nel 2011, “Speed Of Darkness” ma nulla è cambiato nello stile e nelle idee e nei live del gruppo; spettacoli adrenalinici che partendo dalle tradizioni dei pub irlandesi hanno raggiunto i principali festival di tutto il mondo. La band è composta da Dave King (voce, chitarra acustica, chitarra elettrica, bodhran), Bridget Regan (violino, tin whistle, chitarra classica, uilleann pipes, voce), Dennis Casey (chitarra elettrica, chitarra acustica, voce), Matt Hensley (fisarmonica, concertina, piano, voce), Nathen Maxwell (basso, voce) Bob Schmidt (mandolino, mandola, banjo tenore, banjo, voce), Mike Alonso (batteria).

In questa speciale occasione presenzierà, assieme a Dropkick Murphys e Flogging Molly, anche Glen Matlock, con uno speciale set acustico.
Per gli amanti del punk Glen Matlock non ha bisogno di presentazioni, la storia parla da sé. Bassista e fondatore dei leggendari Sex Pistols, Mr. Glen Matlock non si è di certo fermato con la fine dell’era punk. Nonostante la sua fama sia innegabilmente legata al successo planetario dei Pistols, Matlock ha negli anni portato avanti diversi progetti musicali tra cui il più recente è l’album “The Anarchy Arias” uscito lo scorso giugno per la EMI Records. Il disco è composto da 13 brani dei Sex Pistols reinterpretati in chiave classica dalla Royal Philharmonic Orchestra assieme ad alcuni cantanti della English National Opera (ENO). Unire il punk vecchia scuola alla musica classica, questa si che è punk attitude! Il set che Matlock proporrà per il prossimo concerto italiano insieme a Dropkick Murphys e Flogging Molly lo vedrà esibirsi in solo, senza band (o orchestra) e in versione acustica. Non mancherà sicuramente occasione per riascoltare i brani che lo hanno reso celebre con i Sex Pistols.

-
DROPKICK MURPHYS
FLOGGING MOLLY
GLEN MATLOCK
Unica Data in Italia
14.02.2018 | Gran Teatro Geox | Padova
Ingresso in cassa 42,00 €
Ingresso in prevendita 35,00 € + d.d.p.
Prevendite disponibili a partire da mercoledì 11 ottobre alle ore 10.00 sui circuiti Mailticket, Vivaticket, Ticketone e Bookingshow.

06/10/2017


Le riproduzioni su organi di stampa o altri siti web o forum sono ammesse purchè venga citato www.groovebox.it come fonte. In fondo non vi costa nulla.

 

Altre notizie su DROPKICK MURPHYS