groovebox
Dal 6 ottobre riparte GROOVE BOX su Radio Lupo Solitario 90,7 FM!
La trasmissione andrÓ in onda ogni Giovedi dalle 20 alle 21!
Per contattarci in diretta:
sms: (+39) 334 2247977
E-mail: onair@radiolupo.it
Groovebox
KPANIC
ASYLUM

I Kpanic sono una giovane band formatasi nel 2012 con le idee ben chiare. Il loro album di debutto si presenta come un lavoro già abbastanza completo (ovviamente non mancano le pecche tipiche di un esordio, anche se ottimamente mascherate) incentrato su sonorità crossover rock, intinto da grunge e nu metal. Ottima la sezione ritmica durante l’intero album, con il basso a farla da padrone con i suoi groove e riff. Anche la batteria risulta essere molto precisa e varia. Tra le fonti d’ispirazione della band possiamo annoverare i nostrani Lacuna Coil su tutti, gli Alice in Chains e in alcuni brani (“The Hunt”)  anche A Perfect Circle. Resta comunque forte l’impronta personale della band dove spicca la voce melodica e malinconica del cantante.  Il primo brano è anche title-track Asylum parte con un potente riff di chitarra che poi si ripeterà per tutto il brano. Forse il giro un po’ troppo ridondante e la chitarra molto accentrata lasciano poco spazio agli altri strumenti facendo risultare il brano monotono. Per fortuna non sarà così per i restanti brani. In Bad Things gli strumenti risultano ben amalgamati con un giro ipnotico dettato da un basso sporco davvero eccellente. Molto particolari gli arpeggi di chitarra in Be Yourself, tanto da sembrare a tratti dissonanti. The Hunt è il pezzo più heavy dell’intero lotto con ottimi cambi di tempo e accelerazioni. Il disco si conclude con la ballad acustica Be Or Not To Be dove su un letto di chitarre clean, decisamente ben suonate, si appoggiano dei leggeri cori e la voce limpida del singer. Anche i rumori finali che rievocano un temporale sembrano quasi portare un po’ di calma dopo tanto distorto. Concludendo, Asylum è un ottimo esordio autoprodotto per la giovane band, che pur avendo alcuni difetti merita di distinguersi dalla massa.

 

 

Nicola Lotti
Voto: 7-
TRACKLIST: